Vichy dappertutto

0

Gli ultimi giorni di maggio sono perfetti per un picnic all’aria aperta, sul prato fiorito, col cinguettio degli uccellini, gli immancabili tramezzini e ovviamente la classica tovaglia a quadri bianchi e rossi.

La moda quest’anno ci viene incontro senza riserve proponendo stampe vichy in tutte le salse, abbinate a cestini/borse di paglia che farebbero invidia alla più accanita seguace di Jane Birkin.

Perché farsi cogliere impreparate? L’eleganza prima di tutto!

Quindi invece di disterdersi su una squallida coperta di pile con stampa di dubbio gusto e un outfit composto da pinocchietti primi anni 2000 e t-shirt fluorescente è il caso di fare qualche buon acquisto.

Perché se picnic dev’essere che sia un picnic in grande stile.

Iniziamo con gli elementi imprescendili, ovvero cestino e tovaglia. Tiger come sempre sul pezzo, propone ad un prezzo ridicolo entrambi gli articoli e pure stoviglie usa e getta, salviette e altri gadget assolutamente adorabili:

Per quanto riguarda l’abbigliamento vichy davvero avete l’imbarazzo della scelta:

da Zara

E se volete spendere ancora meno, un giretto da Stradivarius:

 

I know, I can do this!

0

Ultimamente a causa di qualche problemuccio di troppo, mi sono concentrata principalmente su un obiettivo: rimettermi in forma.

Allora via a iscrizione in palestra, letture sull’argomento decisamente edificanti, ricerche internet correlate e ovviamente dieta.

Ebbene siccome sono brava e buona, ho deciso di diffondere il mio sapere con voi. Scherzi a parte, molte di voi saranno sicuramente al corrente delle varie applicazioni utili in caso di dieta (leggera) senza consultare un costosissimo nutrizionista. Ovviamente per necessità specifiche e in quelle situazioni in cui i kg da perdere sono davvero tanti, è sempre saggio e doveroso rivolgersi ad un medico esperto del settore. Io in questo articolo mi limito a dare qualche utile consiglio a quelle persone che stanno bene e che vogliono solamente rimettersi un po’ in careggiata, per quanto riguarda salute e forma fisica.

Il primo suggerimento che vi posso dare è quello d’iniziare con una seria e costante attività fisica, scegliete ciò che vi attrae di più. Ora, ad esempio va molto di moda la corsa, che è anche uno degli sport più economici e meno impegnativi dal punto di vista del tempo impiegato, ma alla fine l’importante è scegliere lo sport in base ai propri gusti.

Se vi state chiedendo se alzare e abbassare il braccio per pescare e mangiare patatine fritte dal sacchetto può essere considerata attività fisica, mi dispiace deludervi, ma la risposta è “NO, non lo è”:-D

A tal riguardo per incentivare le vostre grandi imprese sportive, vi consiglio di comprarvi un equipaggiamento adeguato, ecco qualche esempio:

Se non si fosse capito ho una leggera predilezione per Adidas 😀 (http://www.adidas.it)

L’altro valido consiglio, che io ho trovato davvero efficace, è utilizzare l’applicazione Melarossa, di cui esiste anche la rivista cartacea: http://www.melarossa.it. L’applicazione è molto facile da usare, propone una dieta in base al vostro peso, misure, gusti e abitudini alimentari, aggiornata settimanalmente per vincere la noia. Inoltre presenta automaticamente la lista della spesa del cibo da acquistare per la dieta e un pratico menù sostituzione pasto, nel caso becchiate un piatto, che proprio non vi piace e desideriate sostituirlo con qualcosa di vostro gradimento.

Il sito web, sempre ben aggiornato, inoltre è in sostanza una webzine, con articoli interessanti su alimentazione, benessere, sport e anche delle gustosissime ma leggere ricette.

L’altra applicazione utile in caso di dieta è sicuramente http://myfitnesspal.com che permette di tenere un diario online della propria alimentazione con una banca dati nutrizionale davvero vasta e una facilità di utilizzo che rende più agevole l’uso quotidiano.

Ora non resta che darci dentro per vedere i risultati: muovere il culo!

Storie di fragole e di panna

0

Gli ultimi giorni di marzo mi piacciono soprattutto per un motivo: le fragole.

Da sempre mio frutto preferito in assoluto, segnano in modo chiaro l’arrivo della primavera. Solitamente faccio molta fatica a conservare delle fragole per crepare qualche ricetta perché le mangio in un battibaleno appena torno a casa con la busta della spesa. Questa volta però ho fatto un’eccezione e ho preparato questa golosissima torta, che oltre and essere una vera bontà, è pure molto scenica. Il bello è che la ricetta è davvero facilissima e veloce, a prova di bambino direi. Eccola qui, tutta per voi:

Ingredienti:

200 gr farina

180 gr zucchero

60 gr cacao

200 ml latte

2 uova

100 gr burro

1 bustina lievito vanigliato

1 fialetta aroma vaniglia

Per il ripieno:

100 gr cioccolato fondente

100 ml latte

Per la guarnizione:

un bricco di panna fresca

250 gr fragole mature

Procedimento:

Fate sciogliere il burro a bagnomaria, una volta fuso aggiungetelo alle uova e al latte in un grande recipiente, mescolando bene. Al composto ottenuto aggiungete tutti gli altri ingredienti sempre mescolando bene. A questo punto imburrate uno stampo da torta di circa 24 cm e versateci dentro l’impasto. Cuocete per circa 30 minuti a forno ventilato o 45 minuti a forno statico e sfornate. Fate comunque la prova dello stecchino.

Lasciate riposare la torta almeno 30 minuti, poi tagliatela a metà. Preparate la crema al cacao facendo sciogliere il cioccolato fondente nel latte e spalmatela sulla base della torta, poi ricopritela con la sua metà. Montate la panna liquida, spalmatela sulla torta, e posizionate le fettine delle fragole lavate a raggiera. Infine spolverate con zucchero a velo o zucchero di canna.

Solo una parola: LOVE

0

Come vi ho già svelato in qualche puntata fa, soffro di dipendenza da Netflix, le serie tv mi hanno sempre appassionata, già quando era necessario farsi trovare alle ore 21:00 puntuali davanti alla tv e attendere la pubblicità per scappare in bagno o in cucina a prendere le patatine. Immaginate quanto possa essersi aggravata la mia dipendenza da quando quei geni di Reed Hastings e Marc Randolph hanno ben pensato d’ inventare Netflix. Non posso vivere senza almeno una puntata quotidiana. Per essere proprio sincera alla mia dipendenza da telefilm, si aggiunge la mia personalissima mania di scegliere le serie TV del momento in base al contesto temporale/climatico/culturale che sto vivendo: una leggera complicazione.

Devo dire che Netflix sembra venire incontro a questa mia particolarissime esigenza. Essendo primavera desideravo qualcosa che parlasse d’amore ma non troppo, qualcosa che fosse sicuramente leggero ma con la capacità di suscitarmi abbastanza curiosità e con qualche ben assestato colpo di scena.

Neanche a dirlo, è uscita la seconda stagione di LOVE.

La serie tv statunitense ideata da da Judd ApatowPaul Rust e Lesley Arfin, mi aveva già colpita alla prima stagione e la stavo attendendo con grande fervore.

Per chi non lo sapesse LOVE parla, come fa intendere il titolo stesso, di una storia d’amore tra una ragazza molto ribelle dipendente da psicofarmaci e altrE poco raccomandabili sostanze e un ragazzo sfigato, bruttino ma dolce e accomodante. Di certo la trama non è delle più originali, ma il modo di raccontare la relazione tra i due simpatici, ma spesso irritanti protagonisti, è sicuramente molto sincero, credibile e soprattutto molto ironico.

Dal mio punto di vista è una serie tv che ha suscitato molto successo proprio per l’onestà e la coerenza narrativa,  oltre al risvolto umoristico mai sfacciato, a volte persino un po’ volgare ma sempre molto spontaneo e delicato che la caratterizza.

Ho apprezzato poi molto l’interpretazione dei due attori principali, che sono riusciti davvero ad impersonare i due protagonisti, Mickey e Guy, in modo davvero magistrale.

Una moda rosa, così romantica e soft

0

Complici queste giornate soleggiate e primaverili, vien voglia di fare il cambio armadio e dimenticare gli abiti scuri e tetri a favore di abitini svolazzanti, tinte chiare e freschezza nel cuore oltre che nell’armadio.

Ebbene, le tendenze moda quest’anno sono quantomai romantiche, carine e d’aiuto verso questo desiderio di primavera.

Oltre ad un tripudio di colori accesi, che però non sempre sono facili d’abbinare e soprattutto non stanno bene proprio a tutte, c’è un colore che la fa da padrone senza riserve, sto parlando del rosa, dal fucsia al cipria.

Siccome sono sicura che avete appena terminato di acquistare con i saldi e non avete proprio voglia di scialacquare l’intero stipendio in vestiti invece d’ investire in vacanze (da qui a luglio è un attimo), oggi vi propongo una bella carrellata di capi H&M da portarvi a casa in tre, due, uno.

Tanto per darvi un’ anticipazione, le mie preferenze vanno a ricami, stampa vichy (che mi ricorda tanto la mia adorata Brigitte Bardot), jeans chiari, scarpe rosa cipria o bianche, volant, colori pastello, dal verde salvia chiaro al rosa cipria.

 

La primavera del minimalismo

2

Questa settimana è stata un susseguirsi di giornate tiepide, col venticello e il sole, insomma sembra essere arrivata la tanto attesa primavera.

E come di consueto, con l’avvicinarsi della bella stagione, cresce in me la voglia di aprire tutte le finestre di casa, riempire ogni angolo di fiori e soprattutto fa capolino il desiderio di rinnovare l’intero arredo.

Purtroppo non posso rivoluzionare casa ogni sei mesi, ma in compenso posso modificare qualche dettaglio, o portare una buona dose di freschezza tra le mura con delle piante, degli accessori nuovi o qualche cambiamento nella disposizione dei mobili già presenti.

Ovviamente per prendere ispirazione, il percorso è sempre lo stesso: apro Pinterest e mi ritrovo davanti il paradiso dell’interior-design, colori chiari, minimalismo ricercato, arredo scandinavo, vasi con fiori freschi che ti mettono di buon umore anche se è lunedì.

Tra tutte le varie foto e vari siti d’interior ne ho scovato uno però che davvero non mi stanca mai e che propone sempre foto perfette, atmosfere minimal, un senso d’ordine piacevole e mai banale.

Sto parlando di: http://cocolapinedesign.com , sito di una fantastica blogger  e designer belga di nome Sarah, fornita di un buon gusto senza eguali oltre ad un’attenzione per la grafica davvero invidiabile.

Se avete in progetto d’arredare la vostra nuova casa o desiderate rinnovare  qualche stanza o volete soltanto sognare scorrendo bellissime foto di case da sogno fateci un giretto.

Io intanto vi riporto quelle che mi hanno colpito di più, e voi quali preferite?

Adorn Supreme Hair, per capelli wow!

0

Tempo fa mi sono imbattuta in questi nuovi prodotti per capelli dal packging vintage, rosa con piccoli pois e una bella pin up stampata in bella vista con una capigliatura a dir poco impeccabile: sto parlando di Adorn Supreme Hair! Impossibile non notarli!

Non so se voi ne avete già sentito parlare, ma per quanto mi riguarda, tra tutti i prodotti per capelli questi si sono dimostrati una vera rivelazione!

La prima volta che li ho notati è stato naturalmente su Instagram. Poi senza sapere se la qualità dei prodotti fosse all’altezza della confezione così accattivante, mi sono messa disperatamente alla ricerca di un negozio che li distribuisse ma sembrava davvero una missione impossibile. Finalmente un sabato, durante uno dei miei soliti giri di shopping, vedo l’intera gamma di Adorn Supreme Hair in esposizione dal fornitissimo, oltre che conveniente, Tigotà. Visto il buon prezzo, non ho esitato ed  ho acquistato subito lo shampoo  secco per capelli castani, la schiuma volumizzante e lo spray antiumidità.

Questo, per farvi capire di preciso cosa ho comprato perché in realtà i prodotti Adorn  portano dei nomi molto più simpatici: la schiuma si chiama “Testa fra le nuvole“, lo spray “Eco-vamp” (e già questo dice tutto), mentre lo shampoo si chiama giustamente “Bella senz’acqua“.

Voi direte, beh tutta apparenza e poco risultato. Niente affatto! Ho provato centinaia di prodotti per i miei capelli problematici, grassi, sottili e senza volume, spesso spendendo cifre considerevoli e senza nessun effetto miracoloso.

Soprattutto per quanto riguarda lo shampoo secco, qui in Italia, forse per via della diffusione del capello mediterraneo tendenzialmente mosso e secco, non si trovano prodotti adeguati, giusto due tre marchi propongono uno shampoo secco, che lascia però una leggera patina bianca e un profumo sgradevole.

Lo shampoo secco Adorn, ormai l’avrete capito il mio preferito della gamma, si trova in due colorazioni, per capelli biondi e castani, cosa davvero introvabile nella grande distribuzione italiana.

La schiuma volumizzante rende i capelli soffici e corposi, non li sporca ed ha un profumo buonissimo mentre lo spray antiumidità permette una capigliatura perfetta anche col la nebbia della Valpadana, che vi assicuro, fa concorrenza anche al clima tropicale alla giungla.

Poi ci sono dei prodotti, dedicati alle chiome ricce e ai capelli secchi che hanno bisogno di essere nutriti, su questi non posso dire molto ma se li provate sarei molto curiosa di sapere se sono ottimi come quelli che ho testato.

 

A S. Valentino andate a vedere La La Land

2

Finalmente sono andata a vedere il tanto atteso La La Land, e devo dire che mi ha letteralmente entusiasmata. Non amando per nulla i musical, sono andata al cinema con davvero poche aspettative, contando sul fatto che la presenza di Ryan Gosling potesse valere comunque il costo del biglietto, nella peggiore dell’ipotesi mi sarei rifatta gli occhi.

Invece man mano che la trama si svolgeva, il film mi coinvolgeva sempre di più, per ultimarsi con un finale a mio parere perfetto, commovente e malinconico al punto giusto. Il musical di cui tutti parlano è spettacolare sia per la colonna sonora, che per le citazioni, la fotografia, il cast e gli abiti meravigliosi.

Come avrete letto, il film parla di due giovani artisti trasferitesi da poco a Los Angeles che inseguono i loro sogni nel mondo del cinema lei, e nel mondo della musica jazz lui. La frase che può riassumere il film è sicuramente:  “dedicato ai folli e ai sognatori”.

La trama semplice e molto classica, si dipana in modo meraviglioso, portando lo spettatore a molteplici emozioni, che per quanto mi riguarda sono tutto ciò che dovrebbe suscitare un buon film.

Veniamo ora a ciò che, da grande amante del cinema, ho apprezzato particolarmente:

-la citazione nella prima scena a Saranno Famosi, che rimane uno dei cult che più ho amato nella mia adolescenza.

-i varie riferimenti ai film della grande Hollywood (Balla con me, Cantando sotto la pioggia e Spettacolo di varietà), soprattutto per le scene con le danze tra le stelle (del resto i riferimenti alle stelle sono presenti in tutto il film)

-le notevoli citazioni a Parigi e a diversi film francesi, di cui sono innamorata

-gli abiti così vintage che difatti si rifanno per l’appunto all’abbigliamento delle attrici francesi degli anni 60′

-la musica, la musica, la musica. Ovviamente essendo uno dei protagonisti un pianista jazz non mancano enormi citazioni al jazz degli anni 20′, ma tutta la colonna sonora è decisamente un capolavoro.

Non vi voglio anticipare altro, ma essendo il film ancora nelle sale, vi consiglio vivamente di vederlo stasera per festeggiare S.Valentino; è un uno dei più bei film d’amore che abbia mai visto, romantico ma non stucchevole, esteticamente perfetto e capace di far sognare anche il più cinico dei maschi.

E per voi ragazze in cerca di stile, vi suggerisco di osservare bene Mia, interpretata dalla bellissima Emma Stone, perché a dispetto delle tante attricette da quattro soldi senza gloria nè infamia, lei possiede davvero charme ed un’ eleganza senza tempo, da cui prendere spunto.

 

 

Un gioiello leggero come una piuma

2

Il mio scrittore preferito, Italo Calvino, sosteneva in una delle sue frasi più significative:

“Prendete la vita con leggerezza, che leggerezza non è superficialità, ma planare sulle cose dall’alto, non avere macigni sul cuore.”

Mi trovo decisamente d’accordo con Calvino per quanto riguarda la leggerezza e ho anche cercato di farne uno stile di vita.

A dirla tutta, anche per gli oggetti materiali sono un’estimatrice della leggerezza; amo tutto ciò che risulta lieve, impalpabile, delicato, perchè mi riporta ad una dimensione evanescente, che mi ha sempre attratto.

Ebbene, quando ho scoperto dei gioielli dal nome Pesopiuma Bijoux non potevo che amarli in modo sconsiderato, non vi pare?

Un nome raffinato che evoca la leggerezza di forme e design dei bijoux e descrive appieno queste splendide creazioni, che mi hanno letteralmente conquistata.

Di volta in volta, le collezioni cambiano e in particolar modo quest’anno mi hanno colpito i gioielli con stelle e stelline, e soprattutto le collane e braccialetti con le mie adorate libellule.

Quello che apprezzo maggiormente di questi gioielli è sicuramente la semplicità raffinata nel disegno, ma anche il peso davvero inconsistente che permette di indossare questi splendidi accessori per tutto il giorno, senza accorgersi d’averli intorno, una grande comodità.

Potete vedere e acquistare i gioielli di Pesopiuma bijoux, tutti realizzati in ottone e ricoperti da un elegante strato di trattamento galvanico NIKEL FREE, collegandovi al loro e-commerce: http://www.pesopiuma.it/it/

Quali sono i vostri preferiti?

Aggiungo, per i maschi in ascolto, che Pesopiuma è anche un’idea perfetta per S.Valentino, quindi non perdete tempo…un gioiello è sempre un regalo perfetto!

Schermata 2017-02-08 a 12.00.17 Schermata 2017-02-08 a 11.59.59 Schermata 2017-02-08 a 11.59.40 Schermata 2017-02-08 a 11.59.29 Schermata 2017-02-08 a 11.59.12 Schermata 2017-02-08 a 11.58.58 Schermata 2017-02-08 a 11.58.44 Schermata 2017-02-08 a 11.58.33 orecchino-makeba bracciale-ella collana-alice orecchino-star-bw-cerchio (1) orecchino-star-bw-cerchio

Le mille personalizzazioni di String System

2

String System, ideato da Nils Strinning nel 1949, è un sistema di scaffali modulari personalizzabile grazie a griglie e mensole.

Grazie a questo sistema è possibile creare una vera e proprio libreria o una dispensa, ma tra le varie composizioni possibili, la più celebre è senz’altro la combinazione a tre mensole e due griglie.

Personalmente mi piacerebbe avere un’intera libreria String, ma trattandosi di arredo di design, i prezzi sono alquanto proibitivi, mentre la classica composizione a tre mensole è decisamente più alla mia portata e si presta molto bene a chi, come me, ama cambiare molto spesso disposizione degli oggetti e movimentare l’arredamento a seconda delle stagioni e/o dell’umore.

Il lato davvero divertente di avere un proprio angolo mensole è anche quello di farsi ispirare, di volta in volta, dalle centinaia di foto che si trovano su internet della String System, che spesso sono dei veri e propri capolavori di still life.

String ha avuto così successo negli ultimi anni con l’affermarsi sempre più diffuso del design nordico, che numerose aziende hanno imitato la composizione a tre mensole, a prezzi veramente bassissimi.

Ad esempio Maison Du Monde propone la propria combinazione di tre mensole a soli 37 euro e in numerose varianti, l’ideale per chi vuole risparmiare ma desidera comunque un angolo da personalizzare a proprio piacimento.

Nel mio caso la composizione mensole fà bella mostra in cucina, decorata con le mie amate tazze e tazzine, ma sto già pensando ad una String per il mio futuro studio e sto prendendo ispirazione proprio da una delle foto che trovate qui sotto: indovinate quale ;-)?

Se vi ho incuriositi e siete già pronti per l’acquisto, ecco il link perchè diventi vostra in due minuti:

https://www.madeindesign.it/arredamento/librerie-e-scaffali/b-string-furniture.html

Mentre se desiderate vedere le mille possibilità di composizione e saperne di più dell’azienda, questo è il sito ufficiale: http://string.se/system/

b0eb245d8fda7693850af4767bf8e58c ff360e62e2f8997d7e9cd01b2fdf3e42 559ab00b8653d938b315fe1c47d79653 0c2cd5d3f73f120978194ade6092f539 24e6b733240fb6d96289a3a4fc344862 105e10c6bf8d44959cdd5bcc7ac651d6 ee6afccb494b087bea115500e8be4d90 3abc13032bf064e019c3e784dee5e023 0cee7cdc596667d637ad721194bba231 715463b90a6b888574bb3b72c27eba4c 29e4773f6b2e4543d609233ea214cc7a b73516a907d858848d74da5aa41c8a71 3c43f964083296bb8d489ec582443cc4 ddf1154bee1a8beeacd92921d081340a 153bfb501834622a10e2ada7c9d2349f 322dda998d386d4775b4c2bce8a32fc5 722d723046f9a50de24906f9bcf6a0e5